Pitoni o pidoni Messinesi video ricetta di un altro tipo di rustico siciliano

Oggi vi proponiamo la ricetta dei pitoni o pidoni Messinesi, la realizzazione è di media difficoltà, gli ingredienti sono verdure estive che ora mai si trovano tutto l’anno, il pitoni messinesi sono un altro classico dello street food Siciliano meno conosciuto degli arancini e della rosticceria catanese, ma buonissimo e da provare assolutamente.

Ingredienti Pitoni o pidoni Messinesi

500 gr. di Farina di semola di prima macina,
1 cubetto lievito di birra,
50 gr. di sugna perdolci.
15 gr. di sale,
50 gr. di acciughe salate,
500 gr. di scarola riccia (indivia),
200 gr. diformaggio scamorza,
7 pomodori maturi,
olio di oliva e di semi di buona qualità.

Pitoni Messinesi

Preparazione pitoni o pidoni Messinesi

In un tegame intiepidite 200 g di acqua nella quale diluirete il sale ed il lievito mescolando fino alla completa soluzione. Su un piano versate la farina e disponetela in modo da formare un solco circolare dove verserete il lievito preparato precedentemente. Impastate fino a far assorbire tutto il liquido, aggiungete , infine, lo strutto e continuate ad impastare
fino ad amalgamare il tutto. L’impasto deve restare morbido e non incollarsi alle mani. Aggiustare il tutto con acqua tiepida e farina quindi avvolgere l’impasto in un canovaccio e
fatelo riposare e lievitare per il tempo necessario (dalle 2 alle 3 ore). Tagliare a cubetti la scamorza e sminuzzare in piccoli pezzi la scarola riccia, tagliare a pezzetti il pomodoro.
Formate 10 panetti di uguale peso senza impastare ulteriormente. Spianate con un mattarello un panetto fino a ridurlo ad una sfoglia di 2/3 mm circa di spessore quindi disponete sopra un piatto di medie dimensioni capovolto e con un coltello ritagliate un cerchio asportando i resti della pasta. Disponete nel semicerchio inferiore 3 4 pezzettini di
acciughe, un ciuffo di scarola riccia, l’equivalente di 20 g. di scamorza tagliata a cubetti, un pizzico di sale e il pomodoro tagliato a pezzetti. Ricoprite fino a far combaciare i bordi e pressate lungo la circonferenza con le dita per far incollare i lembi. L’operazione va
ripetuta per tutti i restanti panetti. Friggete in abbondante olio di semi bollente fino alla doratura. Suggerimenti Per una perfetta riuscita della ricetta è indispensabile seguire scrupolosamente la scelta degli ingredienti e le fasi di preparazione. Non scaldare troppo
l’acqua in quanto una temperatura superiore a 30/35 gradi distrugge i fermenti del lievito rendendolo praticamente inefficace. Prima della spianatura dell’impasto è necessario
spolverare di farina il piano di lavoro in modo da non far attaccare il pitone. Durante la preparazione del pitone è necessario disporre gli ingredienti senza sporcare con olio,
farina i bordi che andranno sovrapposti al fine di permettere una perfetta saldatura per 8 una buona riuscita del pitone.

Immergere in olio il pitone dopo almeno 5 minuti dalla
preparazione per permettere il consolidamento della saldatura. Il pitone, durante la frittura, deve galleggiare nell’olio; pertanto se non si dispone di una friggitrice si possono ottenere
ottimi risultati utilizzando una casseruola di alluminio con bordi alti nella quale andrà versata una quantità di olio di semi tale da far galleggiare i pitoni (2 l circa). Disporre i pitoni fritti in posizione orizzontale e su della carta assorbente per distribuire uniformemente l’impasto interno e far assorbire l’eccesso di olio. Servire ancora caldi

RICETTA TRATTA DAL LIBRO
CURIOSITA’ E COSE PIÙ O MENO NOTE SULLA CUCINA SICILIANA

Facebook https://www.facebook.com/siciliaofferte/
Istagram https://www.instagram.com/siciliaofferteweb/

Eccovi in caso altre ricette siciliane per voi: Ricette

A proposito dell'autore

Post correlati